Sportello segnalazioni

Verso il divieto di cani a catena

Fondazione CAVE CANEM, come ente finanziatore insieme a Green Impact, come ente promotore, in collaborazione con Save the Dogs and other Animals e Animal Law Italia supportano con le loro attività le pubbliche amministrazioni e le forze dell’ordine nella gestione delle segnalazioni relative a presunta detenzione di cani alla catena o in presunte condizioni incompatibili con il loro benessere in diverse regioni italiane.

Cosa fare se ti imbatti in un cane a catena

Se ti imbatti in un cane a catena, in violazione di una legge o un regolamento regionale o di un regolamento comunale, puoi:

  • documentare la situazione, per quanto possibile e sempre in modo legale, ad esempio senza compiere violazione di domicilio. Tra i più utili metodi di documentazione vanno sicuramente citati o scatto di foto o la ripresa di video;
  • preparare una segnalazione completa di tutti i dati;
  • allegare alla segnalazione i mezzi di documentazione quali ad esempio foto e video;
  • inviare la segnalazione così redatta alle forze di polizia, legalmente preposte al controllo del rispetto delle leggi regionali e delle norme penali, ad esempio: Polizia Locale, Carabinieri Forestali, Polizia di Stato, individuando per ognuno la competenza territoriale. Oltre che alle forze di polizia, è possibile inoltrare la segnalazione anche alle guardie zoofile o alle ASL veterinarie, anche in questo caso, valutandone la competenza per territorio;
  • attendere riscontro e, in caso di evoluzione della situazione di fatto, inviare aggiornamenti alla stessa forza di polizia o altro ente al quale si è inviata la segnalazione;
  • in caso di mancata notizia, sollecitare un riscontro.

Che cosa deve contenere la segnalazione

La segnalazione, in particolare nella descrizione dei fatti, dovrebbe contenere i seguenti dati:

  • Dati del segnalante (nome, cognome, indirizzo, numero civico, CAP, città, provincia, telefono);
  • Luogo nel quale è detenuto il cane o i cani a catena (indirizzo, numero civico, CAP, città, provincia);
  • Descrizione del cane o dei cani coinvolti, corredata di foto e video, laddove possibile;
  • Eventuali nominativi e contatti di testimoni della detenzione a catena, in particolare in caso di possibile violazione delle norme penali, che hanno fornito al segnalante la disponibilità a essere citati nella segnalazione;
  • Inserimento del nominativo dei presunti proprietari o detentori del cane o dei cani a catena.

Hai bisogno di supporto?

Invia una email a [email protected] per ricevere supporto su come segnalare una presunta detenzione di cani alla catena.

#liberidallecatene

FIRMA LA PETIZIONE

Amplifica la voce degli animali e reclama i loro diritti. Firma la petizione e chiedi leggi migliori per la tutela e il rispetto degli animali, dei loro bisogni e del loro benessere.

Firma ora

Ente finanziatore
Ente promotore
Con la collaborazione di