Fondazione CAVECANEM
Progetto “Fuori dalle gabbie”: ulteriore richiesta di supporto da parte del Comune di Spoleto nella lotta al randagismo, miglioramento delle strutture e della gestione del canile comunale e incentivazione alle adozioni

Progetto “Fuori dalle gabbie”: ulteriore richiesta di supporto da parte del Comune di Spoleto nella lotta al randagismo, miglioramento delle strutture e della gestione del canile comunale e incentivazione alle adozioni

La Fondazione CAVE CANEM è impegnata a Spoleto nel progetto “Fuori dalle gabbie”, realizzato in collaborazione con il Comune, la Casa di Reclusione e il canile comunale, con l’ausilio di professionisti esterni di fiducia della stessa Fondazione.

Il 30 settembre 2019, il Comune di Spoleto ha scritto alla nostra Vicepresidente e a uno dei professionisti che abbiamo coinvolto, Andrea Biagi, responsabile operativo del Parco degli animali del Comune di Firenze, per chiedere il nostro supporto in misura ulteriore rispetto a quanto previsto dal progetto “Fuori dalle gabbie”. Tale, ulteriore supporto è finalizzato a un incremento dell’impegno nella lotta al randagismo, all’incentivazione delle adozioni e al miglioramento delle strutture e della gestione del canile comunale. In particolare, il Comune di Spoleto richiedeva l’integrazione delle attività già in corso con le seguenti:

  • attività di reclutamento di volontari esperti, tramite la realizzazione di un corso di formazione dedicato;
  • valutazione comportamentale dei cani ospitati nel canile comunale;
  • sessioni formative per gli operatori del canile comunale;
  • studio di fattibilità per il miglioramento delle strutture e della gestione del canile comunale.

Per rispondere positivamente a quanto richiesto, la Fondazione CAVE CANEM si è subito attivata per individuare le azioni necessarie per rispondere al meglio alle esigenze dell’amministrazione comunale. Nei prossimi mesi, a seguito di confronto con il Comune, avranno dunque inizio almeno le seguenti attività:

  • procedura di valutazione dei cani ospitati nel canile comunale di Spoleto;
  • pianificazione e alla realizzazione dei percorsi di recupero comportamentale e socializzazione;
  • completamento e piena implementazione dei lavori di manutenzione straordinaria sulle strutture del canile comunale;
  • valutazione e suggerimento delle migliori prassi gestionali adottabili presso il canile comunale.

Siamo fieri che il Comune di Spoleto abbia valutato positivamente il nostro operato nell’ambito del progetto «Fuori dalle gabbie»” afferma la Vicepresidente della Fondazione CAVE CANEM, Federica Faiella, “tanto da richiedere alla nostra organizzazione ulteriore supporto rispetto ai compiti istituzionali che gli sono assegnati dalle norme vigenti. Siamo lieti ed entusiasti di contribuire con le attività richiesteci, per conseguire il massimo rispetto delle esigenze degli animali accuditi nel canile comunale e il pieno rispetto del loro diritto all’adozione. Un plauso va all’amministrazione comunale stessa, che continua a mostrare la propria attenzione alla tutela degli animali, anche cercando ispirazione da modelli virtuosi, come quello del Parco degli animali di Firenze”.


About the Author