Fondazione CAVECANEM
Fondazione CAVE CANEM: evento di presentazione

Fondazione CAVE CANEM: evento di presentazione

Questa sera, nei saloni del Plaza Hotel Lucchesi di Firenze, è stata presentata la Fondazione CAVE CANEM, nata per contribuire in modo significativo alla tutela dell’ambiente e degli animali, con particolare riferimento alla prevenzione e al contrasto del randagismo, favorendo il possesso responsabile degli animali da compagnia e un’evoluzione del rapporto tra esseri umani e animali.

 

Si tratta della realizzazione di un sogno per la Fondatrice e Presidente, Adriana Possenti, da sempre impegnata nella tutela dell’ambiente e degli animali, in particolare cani e gatti. Con il passare del tempo, la voglia di un impegno diretto su tali temi è cresciuta, fino a farle maturare la decisione di impiegare parte del suo patrimonio per la costituzione della Fondazione. Il fine di tale costituzione è la possibilità di agire in prima linea, secondo assi di intervento che garantiscano risultati concreti e verificabili. La Fondazione si pone, inoltre, l’obiettivo di agire da strumento di contatto tra gli enti del terzo settore, istituzioni, singoli volontari, professionisti, al fine di garantire vera cooperazione nel lavoro comune.

Al suo fianco, l’amica e Vice Presidente, Avv. Federica Faiella, la quale ha deciso di mettere le proprie competenze, conoscenze ed esperienza maturata sul campo a disposizione della Fondazione.

Due donne ai vertici, generosità e professionalità al servizio degli animali e non solo.

Ogni progetto – afferma Federica Faiella – sarà infatti impostato al fine di permettere di fare due volte del bene: agli animali e a determinate categorie di soggetti. Con questo spirito, verranno coinvolte sia le istituzioni che le cittadine e i cittadini, a partire dai più svantaggiati, come i detenuti, passando per studentesse e studenti, per anziane e anziani, per arrivare alle migliori professionalità del settore. Tutte queste categorie di soggetti saranno coinvolti per infondere energie e prestare competenze a beneficio degli animali non umani, traendone, oltre all’ovvia soddisfazione personale, preziose esperienze e momenti di crescita, innanzitutto come esseri umani, ma anche come figure professionali, già riconosciute o in fieri”.

Vogliamo finanziare e realizzare progetti che costituiscano precedenti significativi, modelli da replicare in altre realtà e valorizzare modelli virtuosi già in essere – continua la Vice Presidente – proprio per questo, abbiamo deciso di partire da Firenze e dal Parco degli animali – Ugnano (FI), modello d’eccellenza nella gestione e nell’accudimento di cani senza famiglia, centro di interesse per la cittadinanza e luogo di transito in vista dell’adozione”.

Quattro i dipartimenti istituiti in seno alla Fondazione: il dipartimento progetti e innovazione, il dipartimento ricerca e formazione, il dipartimento assistenza alle istituzioni, il dipartimento adozioni.

Tanti i professionisti giunti da tutta Italia per partecipare all’evento, tra i quali Salvatore Martello, Sindaco di Lampedusa e Linosa; il dottor Gabriele Marchese, Vice Segretario Generale e Responsabile del Servizio Innovazione del Comune di Palermo; il dottor Vincenzo Caputo, Direttore del Centro Referenza Urbana della Regione Campania; la dottoressa Maura Mazzei, Sanità Veterinaria e Sicurezza alimentare della Regione Lazio; il Professor Pasquale Bronzo, Professore Associato di Diritto processuale penale e di Diritto penitenziario della Università “Sapienza” di Roma; la dottoressa Federica Andreini, Dipartimento Ambiente del Comune di Spoleto; il dottor Arnaldo Melloni, Direzione Ambiente del Comune di Firenze e Responsabile amministrativo del Parco degli animali; Andrea Biagi, Responsabile operativo del Parco degli animali; la dottoressa Silvia Degli Esposti, Ufficio tutela animali del Comune di Modena; la professoressa Paola Fossati, Garante degli animali del Comune di Milano; la dottoressa Paola Foschi, Ufficio tutela animali del Comune di Milano; il dottor Enrico Moriconi, Garante dei diritti degli animali della Regione Piemonte.


About the Author